Sollievo e protezione per gambe affaticate

Levitaven Criolatte a base di olio di Iperico (10%), Escina e Meliloto dona una piacevole sensazione di fresco proteggendo efficacemente la cute.

I principi attivi solubilizzati sono più facilmente assorbibili.

 

L'olio di Iperico protegge la cute dalle lesioni, L'Escina  esrcita un'azione vasoprotettrice, antiinfiammatoria e, combinata con il Meliloto, garantisce un effetto antiedemigeno.

 

Flacone da 150 ml

L’IPERICO

(hypericum perforatum)

 

ASPETTO: è una pianta spontanea facilmente reperibile presso campi incolti e soleggiati. È una pianta perenne, dal fusto legnoso e ramificato, che può arrivare all’altezza di circa 1 m. Le foglie sono opposte ovali , caratterizzate dalla presenza di ghiandole traslucide che contengono il principio attivo detto “ipericina”; proprio da questa peculiarità deriva l’appellativo “perforato”. I fiori, a cinque petali, sono di colore giallo intenso, terminano anch’essi con vescicole ricche di ipericina, punteggiati di nero, abbondantemente raggruppati in un corimbo e sbocciano tra maggio e settembre. Il frutto è racchiuso in una capsula. Rami e infiorescenza emanano un odore piacevole.

 

STORIA ED ETNOLOGIA: le sue proprietà terapeutiche e magiche sono note sin dall’antichità. Per i medici greci Ippocrate e Dioscoride il suo nome significherebbe “al di sopra del mondo degli Inferi” ed è citato nel trattato De Materia medica, come pianta dalle proprietà cicatrizzanti ed emollienti su cute lesa; dal Medioevo la medicina “popolare” le attribuiva proprietà apotropaiche, cioè protettive da malefici e influenze di spiriti maligni, da cui il nome di erba scacciadiavoli. La pianta viene chiamata anche erba di S. Giovanni perché il 24 giugno, festività del santo, è il migliore momento dell’anno per la raccolta, in quanto giorno più lungo, (è il solstizio d’estate)e le erbe raggiungono la massima intensità delle loro proprietà. La notte di San Giovanni è definita magica, è la notte dei diavoli, delle streghe, dell’incontro tra sacro e profano, in cui le energie cosmiche vengono irradiate nella terra, nelle piante, nelle pietre e nella rugiada mattutina. In diversi paesi del nord Europa, il giorno della vigilia era usanza portare con sé un ramoscello di iperico e altre erbe, come amuleto contro i malefici delle streghe,  e durante la notte , oltre alla raccolta delle piante, si usava danzare attorno al fuoco, cingendosi il capo con le fronde di iperico, che al termine del rito veniva lanciato sul tetto delle case, come strumento di protezione dai fulmini. È evidente, quindi, che la medicina popolare da sempre abbia considerato la salute come integrità psicofisica e come difesa di una condizione esistenziale propizia nella sua globalità e abbia stabilito uno stretto collegamento tra dimensione psichica, somatica, comportamentale e  relazionale, riconoscendo la persona  nella sua unità mente-corpo-società.

 

NUOVE APPLICAZIONI: L’Iperico è stato intensamente studiato nell’ultimo trentennio e conseguentemente è stato proposto l’utilizzo dell’estratto secco, assunto per via orale, come regolatore del tono dell’umore nelle forme depressive lievi-moderate e dell’olio in diverse formulazioni dermatologiche.

L’olio di iperico si ottiene dalla macerazione dei fiori freschi della pianta in condizioni controllate, in questo modo si estraggono i costituenti responsabili dell’attività terapeutica, in particolare:

 

  • iperforina e suo analogo adiperforina (0,2-4%)

  • Ipericina (0,06-0,4%)

  • Olii essenziali, flavonoidi (rutina, qquercetina), tannini

 

Al fitocomplesso, in particolare a ipericina e iperforina, sono state attribuite proprietà antimicrobiche, in particolare verso i batteri Gram positivi ed antinfiammatorie, dovute all’interazione dell’iperforina con la cicloossigenasi-1, un enzima coinvolto nell’amplificazione della risposta infiammatoria.

Altro meccanismo biochimico dell’iperforina, utile nelle formulazioni dermatologiche, è l’attivazione di uno specifico recettore (TRPC6-Transient Receptor Potential Channel) che stimola la proliferazione delle cellule dell’epidermide.

Grazie a queste proprietà antimicrobiche, antinfiammatorie e rigeneranti dell’epitelio, l’iperico è in grado di ristabilire l’equilibrio dell’epidermide in seguito a stimoli che provocano eritemi, infiammazioni, prurito, escoriazioni.

L’olio di iperico è utilizzato da Igea Farmaceutici nella formulazione di

 Levitaven Criolatte, latte idratante arricchito con Escina e Meliloto, formulato per alleviare la sensazione di gambe affaticate e proteggere l’integrità della la cute fragile.

Levitaven Derma, emulsione dermoprotettiva, formulata per proteggere la cute caratterizzata da infiammazione, ipersensibilità a stimoli irritanti, prurito e conseguenti escoriazioni

  • Wix Facebook page

© 2016 by Studio Carone / Officine del Peperoncino - design by Paolo Carone. No animals were harmed in the making of this site.

Igea Farmaceutici - p.i. 02387140748